Mongolia: Cultura e tradizioni

La Mongolia è un vasto paradiso naturale dove un terzo della popolazione vive ancora secondo le regole ancestrali del nomadismo di transumanza, accudendo circa 25 milioni di animali senza possedere neppure una stalla. La capitale, fino all’avvento del periodo sovietico negli anni ‘20, era costituita da un mare di gher, le tipiche tende, e da poche costruzioni dedicate alle funzioni religiose.

Questa simbiosi con l’ambiente, neppur mediata da semplici mura, a contatto con gli elementi ed i ritmi del divenire delle stagioni, ha corroborato l’incredibile forza d’animo della gente, facendone un popolo che ha avuto la capacità di partire a cavallo dalle sue vaste steppe per conquistare con la carismatica guida del Grande Khan gran parte dell’Asia. Questo spirito fortissimo, imbevuto della familiarità con le forze della natura a cui ha sempre avuto accesso tramite i propri potenti sciamani, nella storia si unì alla saggezza del buddismo tibetano a cui i grandi imperatori mongoli si erano rivolti per ampliare la propria visione delle cose, venendo così a definire un’entità culturale decisamente unica. I tibetani ebbero la propria metamorfosi nell’VIII secolo, assimilando le sofisticate filosofie dell’India nel proprio mondo di guerrieri spietati; e quando i mongoli furono a loro volta i signori del mondo, ne appresero i già ben digeriti contenuti ispirati anche da Zanabazar (1635-1723), il “Leonardo da Vinci” dell’Asia, riconosciuta reincarnazione del grande studioso e mistico tibetano Taranatha. Nei secoli successivi, fino alle spietate carneficine e distruzioni perpetrate negli anni ’30 quando vennero uccisi 17.000 monaci e distrutti tutti i monasteri (ne vennero risparmiati solo 4 su 700) i mongoli seguirono queste tradizioni. Dal 1990 è tornata la possibilità di esprimere senza timore le proprie convinzioni religiose e culturali e sorprende la vitalità, profondità e capillarità di queste che si riscontra in un popolo a cui si era cercato di estirpare il cuore. Nonostante le tremende difficoltà economiche patite in seguito alla caduta dell’impero sovietico, il mondo culturale mongolo oggi è in fase di ripresa (per maggiori dettagli si consulti la pagina sulla religione) .

 

Mentre la parte più istituzionale della tradizione mongola venne completamente decapitata, la cultura sciamanica che ne era parte integrante fu ben più difficile da eliminare, perché diffusa e non palpabile, condivisa da un popolo che viveva, e in parte vive tutt’ora, in piccoli gruppi sparsi su di un immenso territorio. Così oggi molte delle etnie mongole conservano appieno tradizioni e rituali che hanno origine nella notte dei tempi, e anche l’istruzione monastica vera e propria sta ricominciando ad attivarsi. E’ interessante notare che in questo ambito i mongoli si sono rivolti per richiedere un aiuto proprio agli esuli tibetani, rifacendosi in un certo senso ad un archetipo della loro storia, infatti molti Lama tibetani visitano spesso la Mongolia per dare insegnamenti: oggi si contano già più di mille monaci e circa 90 tra templi e monasteri, di cui molti sono costituiti ancora solo da una semplice Gher.

Su queste basi, il quadro che si presenta oggi è molto interessante, con alcune grandi ricorrenze che coinvolgono l’intero paese, in special modo Tsagaan Tsar, il Capodanno Lunare, e la festa di Naadam, che è diventata oggi anche una celebrazione dell’indipendenza e un momento di affermazione dell’identità del glorioso passato. Si incontrano anche un gran numero di eventi di rilevanza meno generale, tra cui i più noti sono forse il festival del ghiaccio al lago di Khubsugul, che si tiene nel periodo del Capodanno Lunare, e alcuni dei raduni dei kazaki dell’ovest che si cimentano nella caccia con le aquile. A parte queste situazioni di tono più ufficiale, ogni etnia ha poi i propri momenti di celebrazione con molte di queste ricorrenze che hanno un forte contenuto sciamanico, e nei pochi centri dove si sono raggruppati i monaci mongoli vengono eseguite le danze Tsam seguendo i calendari rituali. Anche la musica e le canzoni tradizionali oggi si incontrano facilmente, e ad Ulaan Baatar è facile assistere ad un buon numero di interessanti spettacoli.

More in this category: I Mongoli: Nomadi e cavalieri »

Chiudi ×