MONGOLIA: Folclore di fine inverno

Con l’avvicinarsi della primavera il clima in Mongolia inizia a cambiare: le giornate sono finalmente soleggiate e l’aria è secca, due condizioni che permettono lo svolgimento di molte attività all’aperto. I mongoli ne approfittano per organizzare tre importanti festival: il Festival del ghiaccio a Khubsugul, il Festival delle aquile nel…
Nel corso della rassegna “Terre da scoprire”, organizzata dalla Biblioteca di Chiesa in Valmalenco, Alfredo Savino, guida di Amitaba ed ex Console Onorario in Mongolia, terrà un incontro dal titolo “Viaggio in Mongolia”, illustrando usi e costumi del Paese di Gengis Khan e proiettando delle foto scattate nel corso dei…
La Mongolia è un vasto paradiso naturale dove un terzo della popolazione vive ancora secondo le regole ancestrali del nomadismo di transumanza, accudendo circa 65 milioni di animali senza possedere neppure una stalla. La capitale, fino all’avvento del periodo sovietico negli anni ‘20, era costituita da un mare di gher,…
La Gher è l’abitazione tradizionale mongola, affiancata oggi nelle città e nei piccoli centri di provincia da edifici di modello sovietico. Ha una struttura molto particolare ed unica nel suo genere. In occasione del cambio dei pascoli può essere smontata in breve tempo e caricata sui carri tradizionali con ruote…
Mangiare del montone grasso bollito senza neppure un po’ di sale e ritrovare quest’ultimo invece nel tè col latte può apparirci quantomeno singolare: la civiltà mongola è realmente differente dalla nostra, e solo se ci spogliamo dal nostro eurocentrismo potremo apprezzare, almeno in parte, questa cucina per noi esotica, ma…
La festa di Naadam nacque nel 1921 per celebrare l'indipendenza della Mongolia. Per due giorni ogni anno, l'11 e 12 luglio, allo Stadio Centrale di Ulaanbaatar, davanti a decine di migliaia di composti spettatori, si svolgono le competizioni, precedute da una sfarzosa cerimonia a cui prende parte anche il Presidente…
Tsagaan Tsar, che in mongolo significa “il mese bianco”, corrisponde al primo mese di primavera, ovvero al momento dell’anno in cui termina il difficile inverno, e da secoli è una delle più importanti celebrazioni mongole. Gengis Khan svolse un ruolo importante nel rendere lo Tsagaan Tsar una cerimonia così importante.…
Nel corso della storia i mongoli hanno adottato come religione il buddismo tibetano, che coesiste e per certi aspetti è sincretico con le credenze ancestrali. Anche lo sciamanesimo, fortemente diffuso nei territori settentrionali, ha una parte fondamentale nella cultura spirituale e si intreccia nelle sue interpretazioni sia con le visioni…
La parola nomade deriva dal greco nomas, che significa pastore. Tradizionalmente la popolazione mongola ha sempre vissuto una vita nomadica ed ancora oggi i pastori mongoli sono quasi un milione, circa un terzo della popolazione, e accudiscono un patrimonio zootecnico stimato in circa 65 milioni di capi di bestiame, di…

Chiudi ×