India: Valle di Markha (Ladakh)

Il trekking di Markha è abbastanza impegnativo, ma alla portata anche di persone non specialiste, ed è quasi tutto percorribile anche a cavallo. Non sussistono problemi tecnici, a parte qualche facile guado e dei tratti di sentiero un po’ esposti.

Il trekking di Markha è abbastanza impegnativo, ma alla portata anche di persone non specialiste, ed è quasi tutto percorribile anche a cavallo. Non sussistono problemi tecnici, a parte qualche facile guado e dei tratti di sentiero un po’ esposti. Il fattore di acclimatazione è fondamentale per una buona riuscita; si consulti per questo la Nota tecnica. Si tenga presente la necessità di arrivare in Ladakh possibilmente una settimana prima dell’inizio del percorso a piedi; il tempo potrà essere ottimamente utilizzato per visitare la regione prima di cimentarsi con i sentieri.

Markha è sicuramente tra i percorsi più interessanti del Ladakh per la varietà dell’ambiente, si inizia dalla grande valle del fiume Indo e porta dalle strette gole tipiche degli ambienti erosivi, ricche di rocce colorate, ai vasti scenari delle alte pasture degli yak poste ai piedi di imponenti montagne glaciali, con un gran numero di resti storici, sperduti villaggi ed alcuni piccoli monasteri. I sentieri disegnano un ampio anello attorno al gruppo di montagne che culminano nella vetta dello Stock Kangri, ed i punti d’imbocco sono tutti facilmente raggiungibili da Leh, con diverse opzioni tra cui scegliere. Amitaba consiglia di seguire la direzione antioraria prendendo come punto di partenza il monastero di Spituk, a pochi chilometri da Leh, perché presenta una salita più graduale e consente tra l’altro l’utilizzo di cavalli da sella per le salite ai passi di Ganda e Kongmaru. Alcuni partono da Stok, un’opzione che richiede la salita di un passo in più, lo Stock La, interessante per le stratificazioni particolari delle rocce in alcuni punti ma che non aggiunge in modo sostanziale alla bellezza del percorso. La durata ottimale suggerita è di 10 giorni, anche se molti compiono questo percorso in 8, e qualche velocista anche in minor tempo. Come sempre, al di là del fattore fisico, si consideri nel fare questo trekking il tempo necessario a gustare i bellissimi luoghi che si attraversano:"quando si potrà nuovamente tornare qui?"

Se si segue il sentiero nella direzione suggerita, il primo dei due passi che si valica è il Ganda (4900 mt), da cui si accede alla valle di Markha. Qui i colori incredibili delle conformazioni morfologiche sono lo sfondo di villaggi isolati che esistono in una dimensione in cui il tempo è assente. Piccoli monasteri, chorten, rovine di antiche costruzioni abbarbicate su pendii impossibili e misteriose grotte scavate da mistici nelle pareti rocciose evocano un archetipo vivere dello spirito. Dal villaggio di Markha si sale gradualmente fino all’alta valle di Nimaling, un mondo lunare, con gli yak tranquilli sulle pendici del maestoso Kang Yaze, la cima glaciale che con i suoi 6500 metri regna su questo spazio. Nel penultimo giorno si supera il passo Kongmaru (5150 mt) che con una ripidissima discesa riconduce alla valle del fiume Indo, non lontano dal monastero di Hemis.

Per contenere un poco i tempi vi è la possibilità è di recarsi a Markha partendo da Chilling, una manciata di casupole lungo il fiume Zanskar raggiungibile in jeep da Leh, evitando così il passo del Ganda. Nei pressi di Chilling si attraversa il furioso fiume seduti in una scatola di legno attaccata ad una carrucola, che viene tirata a mano lungo un cavo di ferro… finora non è ancora caduto nessuno! Da qui a Skiu ci vuole una giornata tranquilla di cammino.

Per chi avesse più tempo vi sono delle splendide possibilità di estendere il percorso. Ad esempio, da Nimaling, ai piedi del maestoso Kang Yaze, si può proseguire lungo la valle ad un passo più orientale del Kongmaru, passando a ridosso della barriera glaciale ad est del Kang Yaze ed arrivando nella valle di Gyal, sulla strada che sale verso il passo del Taklang, verso il Rupshu ed il Lahaul. Da qui si può proseguire a piedi fino al lago di Tso Kar e così via, fino ad arrivare in Spiti! Un’altra possibilità è di aggirare il Kang Yaze a sud, arrivando nella valle di Dat e da qui in Rupshu, un percorso decisamente splendido.

 

 

Organizzazione del viaggio

Amitaba mette a disposizione tutto quanto richiesto per il trekking ed i servizi dall’Italia a Leh, punto di partenza del percorso (voli, trasferimenti, servizi a Delhi, alberghi, guide, ecc.), e può organizzare degli itinerari culturali in Ladakh per utilizzare al meglio le giornate di acclimatazione. Per il percorso a piedi vengono forniti una guida, un cuoco ed assistenti che curano il montaggio del campo; si tenga presente che le guide himalaiane parlano solo la lingua inglese e se fosse indispensabile reperire un accompagnatore che parla l’italiano bisogna segnalarcelo in tempo utile. Per i campi durante il trekking vengono usate tende a due posti, utilizzabili anche come “singole”, ed una tenda comune dove mangiare e ripararsi. Il materiale necessario ed il bagaglio personale vengono portati da animali da carico; si ricorda che sacche, zaini e borse vengono fissate con le corde, e subiscono parecchia usura. E’ necessario avere un proprio sacco a pelo; a Leh è comunque possibile noleggiarlo. E’ possibile utilizzare un cavallo per facilitare il percorso; sono animali docili che si limitano a camminare lungo il sentiero, e non richiedono precedenti esperienze di equitazione: sono scherzosamente chiamati “le seggiovie himalaiane”. A volte può essere utile averne almeno uno a disposizione, poichè è psicologicamente utile sapere che “nel caso” si può montare in sella!

 

Il costo del viaggio varia in funzione del numero dei partecipanti, del tipo di servizi richiesti e del costo dei voli; sarà nostra cura fornire una valutazione economica in tempi brevi. Tutti i viaggi sono coperti da assicurazione.

Per ogni chiarimento o richiesta, contattateci: amitaba@amitaba.net - tel.: 02 33614196

 

 

Descrizione del trekking

I tempi delle tappe indicate sono in media di circa 5 ore di cammino al giorno.

1°g. Leh - Spituk – Zinchen
Si lascia Leh con la jeep e si attraversa l’Indo nei pressi del monastero di Spituk a circa 3300 metri di quota, e si segue il percorso del fiume per un lungo tratto; per la parte iniziale ora vi è una mulattiera percorribile per alcuni chilometri anche in jeep, si può così decidere se iniziare il cammino nei pressi di Spituk o più avanti. Una stretta valle laterale porta al campo di Zinchen.

2°g. Zinchen – Yuruntze
Si prosegue lungo la valle; alla giunzione col sentiero che scende dal passo di Stock la valle si apre. Salendo verso la casa solitaria di Yuruntze la vetta glaciale dello Stok Kangri domina il panorama con i suoi 6200 mt di quota, in un contesto di colori da tavolozza.

3°g. Yuruntze – Ganda La – Shingu
Dal passo del Ganda La (4900 mt) si apre un ampio panorama che spazia fino allo Zanskar. Una selva immensa di montagne desertiche. Si scende attraverso dei tranquilli pascoli, e ci si ferma nei pressi del minuscolo villaggio di Shingu.

4°g. Shingu – Skiu – Pentze
Discendendo una pittoresca gola, dominata da vette verticali che ricordano le nostre dolomiti, si giunge al fiume Markha nei pressi del piccolo monastero di Skiu. Da qui, risalendo il flusso delle acque, si incontrano piccoli villaggi e sui bordi della valle si osservano tracce di romitaggi e rovine di antiche costruzioni. Purtroppo quasi nulla si conosce della storia di questa valle, e le persone del luogo non posseggono che informazioni generiche; è molto interessante esplorare alcuni di questi affascinanti resti.

5°g. Pentze – Markha
Si prosegue lungo la valle arrivando fino a Markha, il villaggio principale della valle, con le rovine di un vecchio forte ed un piccolo monastero.

6°g. Markha – Tchatchutse
Il Kang Yatse (6500 mt) domina il fondo della vallata. Anche l’ultimo villaggio presenta delle interessanti rovine di una ardita fortificazione abbarbicata ad un impossibile dirupo.

7°g. Tchatchutse – Nimaling
Si sale gradualmente alle pasture degli yak di Nimaling, ai piedi del Kang Yatse. L’ambiente è simile all’altopiano del Rupshu, la sensazione è di essere in un mondo lunare.

8°g. Nimaling
Giornata di riposo per gustare l’ambiente. Si possono fare diverse passeggiate nei dintorni del campo. Oppure spingersi sulle pendici del Kang Yatse.

9°g. Nimaling - Kongmaru La – Sumdo
Si sale al passo direttamente dalle pasture di Nimalung. Dal passo (5150 mt) l’occhio spazia a nord est fino alle montagne del Tibet e la visuale sulla valle di Nimaling e la catena del Kang Yatse è stupenda. La discesa precipita in una gola caratterizzata da forme geologiche bizzarre, quasi antropomorfe.

10°g. Sumdo – Shang – Valle dell’Indo – Leh
A Shang con una breve deviazione si raggiunge un interessante monastero. La strada, nei pressi del monastero di Hemis, dista solo qualche ora di cammino; da qui sono meno di 50 chilometri di jeep per arrivare a Leh.

More in this category: « India: Sikkim

Chiudi ×