Informazioni utili

Da: sabato 23 aprile 2011A: domenica 1 maggio 2011Durata:

SIRIA 2011: Città e splendori della Siria

Il viaggio prevede la visita dei punti eccelsi della Siria in un tempo contenuto, ma senza muoversi affrettatamente. Non è raro venire rapiti dal fascino di questo paese, ricchissimo degli imponenti resti della propria ininterrotta storia, passeggiando tra i colonnati di Apamea, sedendosi nel teatro romano di Bosra, salendo sugli arditi bastioni del grandioso castello dei crociati, Crac des Chevaliers, e godendo del fascino di Damasco ed Aleppo, dove l’antico e il prezioso si fondono con il vivace pulsare di bazar che risuonano di millenni di scambi.

In questo paese il respiro senza tempo del deserto conserva la meravigliosa Palmira, l’antica città da cui la potente regina Zenobia osò sfidare Roma, un sito archeologico tra i più declamati al mondo, e i resti di Sergiopoli e Sharqi. E’ un mondo ricco di spunti e sorprese, che nel villaggio di Maalula rivela anche la permanenza delle ultime popolazioni di lingua aramaica.

 

Il programma inizia con una visita di Damasco, dove il mercato coperto della città vecchia circonda i luoghi di interesse storico consentendo di passeggiare tra il vivace bazar e le reliquie del passato, tanto che il mercato stesso sembra immerso in un mondo senza tempo, fatto di gesti, profumi e forme che furono condivisi anche dai nostri antenati. Si lascia Damasco seguendo un itinerario che si percorre con un comodo pulmino privato; le strade sono asfaltate e i servizi validi: si mangia bene e gli hotel sono puliti e confortevoli. Spesso chi giunge qui per la prima volta resta sorpreso dalla cultura e signorilità dei siriani. La prima tappa porta a Sydnaya, a Maalula, dove vive una delle ultime comunità aramaiche, ed al castello crociato di Crac des Chevaliers, sostando per la notte nella città di Hama. Proseguendo verso nord si incontrano i siti archeologici di Apamea, Ebla e San Simeone e si arriva ad Aleppo, dove si sosta per due notti, avendo così modo di esplorare bene la città. Si attraversa quindi il deserto siriano visitando Sergiopoli e Sharqi giungendo fino all’oasi di Palmira, dove si alloggia due notti per poter godere di questo ineguagliabile sito. Da Palmira si rientra poi a Damasco, dove si avrà del tempo a disposizione per recarsi al bazar e si conclude il viaggio con un’escursione a Bosra, da dove ci si reca poi direttamente in aeroporto.

 

Programma del viaggio

 

1°g.    Sabato 23 aprile, volo per Damasco  

A Damasco, trasferimento all’hotel Damascus International (4 stelle).

 

2°g.    24/4 Damasco   

Giornata dedicata alle visite di questa splendida città. Oggetto del nostro interesse saranno le moschee Tekkiye Sulimna e Omayyad, la tomba di Saladino, il palazzo di Azem, la chiesa di Anania e la finestra di San Paolo. Non mancherà del tempo per esplorar il grande bazar coperto, il Souq al-Hamadiyyeh.

 

3°g.    25/4 Damasco – Sydnaya - Maalula - Crac des Chevaliers - Hama   

Questa ricca giornata inizia recandosi al villaggio di Sydnaya, sui monti a 30 chilometri da Damasco, dove sorge un monastero cristiano edificato dall’imperatore Giustiniano nel 547 d.C. nel punto in cui ebbe una visione. Divenuto la meta principale dei pellegrinaggi cristiani nel Medio Oriente, secondo solo a Gerusalemme, vi si conservano antichissime icone di cui alcune risalirebbero ai tempi della fondazione. La prossima tappa è il bel villaggio aramaico di Maalula, con le casette azzurre appoggiate tra le rocce di un monte; qui sopravvive una comunità che utilizza ancora l’antica lingua che fu di Gesù. Si prosegue in direzione nord sostando a Homs per il pranzo e la visita della moschea di Khalid Ibn Al Walid, che presenta una sintesi degli stili artistici bizantini, ottomani ed arabi, e da qui si raggiunge Crac des Chevaliers, il forte crociato costruito intorno al 1150, ancora splendidamente mantenuto, che merita un’accurata visita. Ci si reca quindi alla città di Hama, dove si alloggia all’hotel Orient House (4 stelle).

 

4°g.    26/4 Hama – Apamea – Ebla – San Simeone – Aleppo  

Proseguendo verso nord si visitano i siti archeologici di Apamea ed Ebla. Si raggiungono poi i resti della bella cattedrale che venne eretta nel luogo dove San Simeone passò la vita sulla cima di una colonna. Giunti ad Aleppo si alloggia presso l’hotel Mirage Palace (4 stelle).

 

5°g.    27/4 Aleppo  

Giornata dedicata alla visita della città, iniziando dalla cittadella che ne domina il centro, e recandosi al museo, ai Khans ed alla Grande Moschea. Il bazar coperto sarà uno dei luoghi che lasceranno una forte impressione; considerato tra i più pittoreschi e vivi di tutto il Medio Oriente, dove tra le mille cose interessanti si trova l’eccellente sapone all’olio di oliva ormai conosciuto in tutto il mondo. Per chi è interessato, è possibile recarsi all’Hammam nei pressi della cittadella, costruito nel XIV secolo e ancora in perfetto stato e funzionante, per un trattamento rilassante: fare un bagno turco qui è una bellissima esperienza ed il luogo è pulito.

 

6°g.    28/4 Aleppo – Sergiopoli – Sharqi – Palmira  

Si lascia Aleppo procedendo verso est seguendo il corso dell’Eufrate per immergersi poi nel deserto in direzione sud fino all’antica città di Sergiopoli (Ar Rasafeh). In questo sito di inaspettata bellezza sono particolarmente impressionanti le gigantesche cisterne sotterranee. Si prosegue la traversata del deserto raggiungendo con una breve deviazione le rovine del castello e sito carovaniero di Qasr Hier Sharqi arrivando in serata all’oasi di Palmira, dove si alloggia all’hotel Zenobia Cham Palace (4 stelle).

 

7°g.    29/4 Palmira  

Giornata dedicata alla visita del grandioso sito di Palmira, perla del Medio Oriente; i punti principali sono il castello, il teatro, le tombe ed il grande tempio di Baal, oltre al museo. Si potranno godere momenti molto belli passeggiando tra i lunghi colonnati che attraversano l’antica città o tra i cenotafi a torre della necropoli nel deserto; sembra quasi di scorgere la presenza della bellissima regina Zenobia, con i palmeti che abbracciano i resti di quello che fu il suo grande sogno, l’indipendenza da Roma. I tramonti dalla collina del castello che sovrasta l’oasi sono tra i momenti speciali di questo bel viaggio.

 

8°g.    30/4 Palmira – Damasco  

Una comoda strada asfaltata porta in direzione sud-ovest fino a Damasco, dove si alloggia ancora presso l’hotel Damascus International. Pomeriggio libero per visite e acquisti; cena in un ristorante tipico nella città vecchia.

 

9°g.    Domenica 1 maggio, Bosra e volo di rientro  

Si lascia Damasco per la vicina città di Bosra dove si trova il grande teatro romano costruito in pietra nera, uno dei meglio conservati del vasto impero, oltre a e molti altri resti interessanti nella zona adiacente. Ci si reca quindi all’aeroporto di Damasco per l’imbarco sul volo di rientro.

 

Chiudi ×