Informazioni utili

Da: sabato 9 aprile 2016A: lunedì 25 aprile 2016Durata: 17 giorni

Partecipanti: massimo 12

NEPAL 2016: Trekking al Campo Base dell'Annapurna

Annapurna, 8091 mt

Annapurna Sud

Annapurna Sud, 7219 mt

Macchapuchare

Macchapuchare, 6993 mt

Verso il C.B.

Salendo al Campo Base, vallata

Verso il C.B.

Salendo al Campo Base, orizzonte all'alba

 

Il sentiero che porta all’Annapurna è tra i più celebri del Nepal per la mitica bellezza dei luoghi che percorre, dalle foreste tropicali e di bambù ai rigogliosi boschi dei giganteschi rododendri himalaiani, attraverso tipici villaggi che indicano anche con le diverse caratteristiche costruttive le etnie di appartenenza, con panorami incommensurabili. La meta: la maestosa parete sud dell’Annapurna, una barriera rocciosa tra le più alte e ardite al mondo, che si erge per 4000 mt al centro di un vasto anfiteatro di monti glaciali tingendosi di ocra e arancione con le luci del tramonto.

Questo luogo è conosciuto come ‘Santuario dell’Annapurna’: il significato del nome è chiaro a chi vi è stato e ha goduto dell’incredibile spettacolo dei monti che cingono tutto l’orizzonte, con gli Annapurna che troneggiano tra il frastuono delle valanghe che rimbombano nella valle e spesso fanno tremare il suolo.

Si prevede un massimo di 12 partecipanti.

 

Questo magnifico trek parte dalla regione di Pokhara, ad ovest di Katmandu. E’ un percorso che offre la grande soddisfazione di iniziare dalle aree pre himalaiane e di arrivare in breve tempo nel territorio d’alta quota attraversando i diversi tipi di ambiente arboreo, incluse le foreste di bambù, fino ai 4130 metri del campo base. Si inizia risalendo le zone dei villaggi terrazzati fino ai costoni coperti da foreste di rododendri tra panorami incredibili, che spaziano dall’Annapurna Sud al Macchapuchare ed ad est fino al Manaslu, arrivando al villaggio di Langdrung, molto pittoresco e ben tenuto con le tipiche case in pietra; si prosegue direttamente verso nord attraversando il fiume verso il villaggio di Chomrung e si risale la valle che si fa sempre più ripida e impervia finché si giunge ai piedi del Macchapuchare, un monte sacro ai nepalesi e per questo motivo inviolato, che è stato ribattezzato dagli occidentali ‘Cervino dell’Himalaia’ per la sua forma ardita, e anche “Fishtail mountain” per via della doppia cima che ricorda ad alcuni la coda di un pesce. Da qui, con una svolta verso ovest che regala la visione della parete sud dell’Annapurna, si accede alla vallata del Santuario.

 

Gandrung Macchapuchare, 6993 mt Santuario dell'Annapurna
Gandrung
Macchapuchare, 6993 mt
Santuario dell'Annapurna

 

Si rientra seguendo il medesimo sentiero per la parte iniziale fino alla zona del villaggio di Dovan sostando a Jhinudanda; qui, oltre a godere degli stupendi panorami, si potrà rilassarsi nelle acque di una fonte termale.  Quindi, oltre il bel villaggio di etnia Gurung di Gangdruk attraverso pristine foreste di giganteschi rododendri himalaiani si arriva al passo di Ghorepani, alla base di Poon Hill, uno dei punti panoramici più rinomati del Nepal che regala ottime visuali sull’arco himalaiano, dal Daulagiri al Manaslu. Si scende quindi nella vallata del fiume Bhurungdi rientrando a Pokhara e da qui si prosegue in volo per Katmandu.

 

Nota tecnica

E’ richiesto un livello di allenamento normale per chi va in montagna, con tappe medie di circa 5 ore di cammino effettivo; non è necessaria una preparazione tecnica: si tratta solo di spostarsi lungo i sentieri. Il clima previsto è secco; ma bisogna essere attrezzati nell’eventualità che possa piovere o anche nevicare nelle parti alte. Durante il trekking si alloggia e si consumano i pasti nei ‘logde’, ovvero nei rifugetti nepalesi che offrono un discreto livello di comodità e pulizia; in molti di questi sono anche disponibili delle docce con acqua calda ad un prezzo modico. Il bagaglio personale è trasportato da portatori (massimo 15 kg a testa). Nella valle del Santuario se si sta all’aperto di sera o di prima mattina all’alba si preveda un abbigliamento per una minima di -10°c. (di solito non fa così freddo, ma dei cali di temperatura sono sempre possibili), ed è anche consigliabile per il proprio confort avere un sacco a pelo con il medesimo gradiente termico minimo, anche se nei lodge sono disponibili le coperte.

 

Macchapuchare da sud Macchapuchare, 6993 mt Macchapuchare, 6993 mt
Macchapuchare da sud
Macchapuchare, 6993 mt
Macchapuchare, 6993 mt

 

 

PROGRAMMA DEL VIAGGIO

NB: i tempi di tappa riportati sono indicativi, riferiti a escursionisti di capacità media. Le tappe potranno essere leggermente variate dal capogruppo in funzione delle condizioni del tempo od altro.

 

1°g.  Sabato 9 aprile, partenza in volo per il Nepal  
Per andare a Katmandu non ci sono collegamenti diretti dall’Italia e molti viaggiatori scelgono di transitare da Delhi in India o utilizzano linee aeree che fanno scalo in Medio Oriente; vi è un’ampia scelta e Amitaba può prenotare quella di maggior gradimento. La maggior parte dei voli prevede di viaggiare la notte arrivando nella giornata successiva.

2°g.  10/4 Arrivo a Katmandu  
Accoglienza in aeroporto da parte del corrispondente nepalese di Amitaba e trasferimento all’Hotel Vajra, immerso in un bel giardino ad un quarto d’ora di cammino dal centro della città e dallo Stupa di Swayambhu. L’hotel dispone di buoni servizi, è costruito nello stile tradizionale newari con decorazioni in legno eseguite dall’artista Utam Raj di Patan ed è dotato di piacevoli spazi comuni; relax e riposo.

3°g.  11/4 Katmandu – Pokhara – Kande – Australian Camp  
Si parte in volo per Pokhara; il peso del bagaglio consentito senza extra è di kg 15 (ma il prezzo per i kg in più non è eccessivo). Giunti a destinazione si prosegue con dei veicoli privati per il villaggio di Khande (1450 mt), che dista circa un’ora e mezza di guida. Da qui inizia il percorso a piedi, la prima tappa di circa un’ora e mezza porta all’Australian Camp (1870 mt), da dove già si godono ottimi panorami.

4°g.  12/4 Australian Camp – Langdrung  
Una tappa di circa 4 ore che transita dai villaggi di Deurali e Tolka conduce al bel villaggio di Langdrung (1700 mt).

5°g.  13/4 Langdrung – Chomrung  
Si attraversa il fiume su di un ponte sospeso arrivando per il pranzo a Jhinudanda (1780 mt); in questa zona durante il percorso di rientro si potranno fare dei bagni nelle acque calde termali. Si prosegue salendo a Chomrung (2170 mt), uno dei principali villaggi della regione contornato dalle vette dell’Hiunchuli, Annapurna Sud e Macchapuchare. La tappa è di circa 5,5 ore.

6°g.  14/4 Chomrung – Dovan  
Il sentiero in parte gradinato scende ripido a un fiume e risale verso Sinuwa, con panorami spettacolari sul Macchapuchare. Si attraversano foreste di bambù arrivando a Dovan (2600 mt), una tappa di circa 5 ore.

7°g.  15/4 Dovan - Macchapuchare Base Camp  
Attraverso foreste di rododendro si sale verso Deurali (3200 mt) e si prosegue per il campo base del Macchapuchare (3700 mt), dove sono stati allestiti  alcuni rifugi. La tappa è di circa 5 ore.

8°g.  16/4 Macchapuchare Base Camp - Annapurna Base Camp  
Il rifugio del campo base dista circa due ore di cammino ed è posto a 4130 mt. Si trascorre la giornata esplorando la meravigliosa vallata, in vista dell’inimmaginabile parete sud dell’Annapurna. La corona di montagne che cinge l’orizzonte a 360 gradi forma una delle visioni epiche di tutto l’Himalaia.

9°g.  17/4 Annapurna Base Camp – Dovan  
Si rientra fino a Dovan (2600 mt), dove si era fatta tappa il 14/4.

10°g.  18/4 Dovan – Jhinudanda  
Si ripercorre il sentiero da Dovan a Chomrung e si continua fino alla località di Jhinudanda, situata a 1780 mt, dove si era transitati il 31/3. A 300 mt dal lodge si trovano delle fonti di acque termali dove si potrà fare il bagno. La tappa è di circa 5 / 6 ore.

11°g.  19/4 Jhinudanda – Gangdruk  
Si attraversa un’area di campi terrazzati e villaggi, con una salita finale fino al villaggio di Gangdruk (1940 mt). E’ forse il più bello dei villaggi Gurung della regione, ed è situato in un’ottima posizione panoramica. La tappa è di circa 5 ore.

12°g.  20/4 Gangdruk – Tadapani - Banthati
Ci procede nelle foreste di rododendro fino a Tadapani (2630 mt), un paesello che offre ottimi panorami sull’Annapurna Sud e il Macchapuchare. Si scende gradatamente nelle foreste di rododendro e bambù fino a un torrente, da dove si risale un costone arrivando poi al villaggio di Banthati (2680), ai piedi di una ripida parete. La tappa è di 5 / 6 ore. Per chi lo desidera, è molto bello salire sulla sommità del colle sovrastante, Banthati Hill (3180 mt), che offre stupendi panorami.

13°g.  21/4 Banthati – Deurali La – Ghorepani  
Si continua per il passo di Deurali (3200 mt) in un’area dove spesso si incontrano animali selvatici e seguendo il sentiero si scende a Ghorepani (2870 mt), un altro valico che funge da punto di partenza per Poon Hill. La tappa è di circa 5 ore.

14°g.  22/4 Ghorepani, salita a Poon Hill; Hilè  
Si parte prestissimo per godere dell’alba dalla vetta di Poon Hill (3193 mt), una salita che impegna circa 1 ora: lo sguardo spazia senza confini dalle lontane pianure dell’India verso sud al Daulagiri ad ovest, Annapurna e Macchapuchare a nord e Manaslu ad est. Tornati al passo, inizia poi la discesa attraverso immacolate foreste fino a Hilè (1430 mt), una tappa di circa 5 ore.

15°g.  23/4 Hilè – Birethani – Pokhara - Katmandu  
Il sentiero segue la sponda sinistra del fiume Bhurungdi fino alla cittadina di Birethani (1089 mt), che dista circa 3 ore. Qui si conclude il trekking e si salutano i portatori; la guida nepalese rimane invece col gruppo. Si prosegue con mezzi privati per Pokhara, che si raggiunge in circa un’ora e mezza. Si prende il volo per Katmandu, dove si alloggia presso l’Hotel Vajra.

16°g.  24/4 Katmandu e volo di rientro  
Tempo libero fino a quando ci si reca all’aeroporto per l’imbarco sul volo internazionale. In funzione del volo di rientro utilizzato Amitaba predisporrà gli eventuali servizi aggiuntivi richiesti sia a Katmandu che a Delhi per chi transitasse dall’India.

17°g.  Lunedì 25 aprile, arrivo a destinazione

Chiudi ×