Informazioni utili

Da: mercoledì 26 dicembre 2007A: lunedì 7 gennaio 2008Durata: 13 giorni

INDIA 2007: Kerala, cuore dell'Ayurveda

Kanyakumari

Amitaba organizza un bel viaggio nel Kerala, una regione che si affaccia sull’Oceano Indiano considerata il luogo più rilassante dell’India, abitata da gente famosa per la tranquilla pacatezza, dove ci immergiamo in uno stupendo insieme di lussureggiante natura tropicale, spiagge, laghi e lagune vicine alla costa. Il clima previsto a fine anno è ottimale: secco, con temperature tra i 24° e i 30°C. Il programma prevede di passare i primi e gli ultimi giorni in un hotel specializzato che offre trattamenti ayurvedici posto sulla spiaggia di Kovalam, tra le più belle e pittoresche dell’India.

 

Il Kerala infatti è anche conosciuto per la qualità della propria cultura ayurvedica, l’antica medicina indiana di cui oggi si stanno riscoprendo le eccellenti qualità ed apprezzando i massaggi eseguiti con oli ed essenze profumate. Durante la permanenza in questo centro, oltre al piacere di fare dei bagni nell’oceano e di godersi il sole, si potranno così sperimentare i massaggi terapeutici o recarsi al vicinissimo villaggio di Kovalam, dove troviamo un’atmosfera viva con anche tanti interessanti negozietti, o alla vicina capitale di Trivandrum, una città che offre l’atmosfera di un grande villaggio.

 

Lasciata Kovalam si esplorano i luoghi più incantevoli delle “backwaters” keralesi passando una notte in una comoda casa galleggiante, assaporando il piacere di navigare nei canali d’acqua dolce che collegano laghi e lagune lungo il bordo dell’oceano. Dopo la visita di Allapey e Cochin dove si trascorre la serata di Capodanno, entrambi centri pittoreschi e ricchi di storia, ci si reca a Periyar, uno dei parchi naturali più importanti dell’India dove si avrà l’opportunità di esplorare il lago e la foresta che preserva molte specie di animali. Si arriva quindi a Madurai nell’adiacente stato del Tamil Nadu per un tuffo nella potente realtà induista, dove s’incontra l’India del nostro immaginario, con un bel contrasto fatto di folle e lieta confusione. Il tempio di Shree Meenakshi dedicato a Shiva ci offre l’impressione più forte: meta di pellegrinaggio da tutta l’India, colpisce per le dimensioni ma soprattutto per l’incredibile rappresentazione di tutto il pantheon induista, con migliaia di statue che sembrano materializzarsi dalle cerimonie che vi si svolgono di continuo, tra moltitudini di devoti. Dopo Madurai ci si reca a Kanyakumari, la punta più meridionale dell’India, un luogo molto pittoresco anch’esso meta di pellegrinaggi, dove su di un’isola di fronte al capo sorge un bel tempio, e terminato questo interessante giro esplorativo si rientra al centro ayurvedico a Kovalam, dove si disporrà di alcuni giorni di relax prima del rientro.

 

Il Kerala

Il Kerala è una lunga, verdissima striscia di terra situata sulla costa sud occidentale dell’India, dove la natura è molto rigogliosa: campi di riso, boschi di mango, di anacardi e palmeti di noci di cocco si alternano a fitte foreste tropicali che si estendono fino ai monti che ad oriente formano una barriera naturale che separa questa regione dal resto del subcontinente indiano. Questa peculiare conformazione ha contribuito a proteggere la zona dalle invasioni e sconvolgimenti che hanno coinvolto la maggior parte delle altre popolazioni dell’India. Gli abitanti sono sempre stati protesi ai contatti via mare con il resto del mondo, e in Kerala vive tutt’ora una comunità di discendenti di palestinesi giunti qui 2000 anni or sono. La posizione dei porti del Kerala, situati sul lembo più meridionale dell’India a metà strada tra Europa e Cina, ne ha fatto un punto di incontro e scambi commerciali per millenni: dai tempi più antichi con fenici, romani, arabi e cinesi e quindi con le potenze coloniali europee. Ancora oggi i pescatori, per esempio, usano le reti costruite alla maniera cinese. Grazie a queste radici il Kerala offre un panorama culturale arricchito di una visione del mondo cosmopolita, dove nella matrice indiana si sono fusi tratti diversi. La storia ha fatto della gente del Kerala un popolo intraprendente e di viaggiatori, che ha saputo anche cogliere le opportunità offerte dalla grande estensione dell’impero britannico di cui era parte, formando comunità in varie parti del mondo.

Il Kerala, nell’ambito dell’Unione Indiana, è stato costituito con gli attuali confini tra il ’56 e il ’57; vi venne eletto un governo locale molto incline allo sviluppo delle politiche sociali, tanto che qui il livello d’istruzione è tra i più elevati dell’India. I visitatori restano colpiti dall’atmosfera particolarmente rilassante data dall’ambiente naturale, dal clima e dalla pacatezza della gente ed è quindi uno dei luoghi privilegiati dell’India per un viaggio anche ricco nei contenuti.

 

Programma del viaggio

 

1°g.  Mercoledì 26 dicembre, partenza per Trivandrum

 

2°g.  27/12 Arrivo a Kovalam  

Giunti a Trivandrum, la capitale dello stato indiano del Kerala, ci si trasferisce (c.a. 15 km) all’Udaysamudra Beach Resort, posto sulla spiaggia di Kovalam, specializzato in trattamenti ayurvedici che dispone di due piscine. L’albergo è molto confortevole e dotato di tutti i servizi, inclusa l’aria condizionata nelle camere; sulla spiaggia di fronte all’hotel si gode ogni giorno dello spettacolo dei pescatori del vicino villaggio che tirano a braccia le reti della pesca. La temperatura dell’oceano è calda, piacevolissima per i bagni.

 

3°g.  28/12 Kovalam 

Giornata di tranquillo relax per godere del clima tropicale, fare dei bagni o concedersi dei trattamenti di massaggio ayurvedico.

 

4°g.  29/12 Kovalam  

Giornata di relax; chi lo desidera, può recarsi a visitare il villaggio di Kovalam o la città di Trivandrum.

 

5°g.  30/12 Kovalam – Allepey 

Un piacevole viaggio attraverso la bella natura del Kerala utilizzando un pulmino privato porta in circa 4 ore ad Allepey (180 km), dove ci si sistema in una lussuosa House Boat, una casa galleggiante. Allepey è una cittadina dove si trovano alcuni templi e chiese cristiane, situata tra l’oceano ed una miriade di laghi e fiumi d’acqua dolce contornati da una rigogliosa natura tropicale, dove sono ormeggiate le case galleggianti. Un gradevolissimo territorio da esplorare con la barca.

 

6°g.  31/12 Allepey - Cochin  

Tornati all’approdo si raggiunge in pulmino la cittadina di Cochin, che dista 80 km, un bel viaggio di due ore circa. Posta sulle costa dell’oceano con una bella spiaggia tropicale ornata da un antico forte, Cochin rivela la natura cosmopolita del Kerala con la presenza di molte case di vecchio stile europeo, chiese ed anche sinagoghe. Un luogo dove è gradevolissimo e rilassante anche solo passeggiare, curiosando tra mercatini e negozietti. Si alloggia all’hotel Gokulam Park Inn. Alla sera si assiste ad un programma di danze Kathakali, l’antica arte espressiva del Kerala.

 

7°g.  1/1/2008 Cochin – Periyar (Thekkady)  

Si raggiunge Periyar con un trasferimento di circa 185 km che richiede circa 5 ore, dove si alloggia all’hotel Aranya Niwas. Ci si reca a visitare il parco della foresta di Periyar, dove vivono elefanti, bisonti, antilopi, scimmie ed anche le tigri.

 

8°g.  2/1 Periyar – Madurai  

Madurai dista 120 km, un percorso di circa 4 ore che consente di assaporare la bellezza dell’entroterra del Kerala. Oltre i monti che ne delimitano i confini si entra nel Tamil Nadu, un territorio molto più arido e di cultura più marcatamente induista. A Madurai ci si sistema presso l’hotel Pandian, e ci si reca ad esplorare i mercati e la vita di questa interessante città

 

9°g.  3/1 Madurai  

Giornata dedicata alla visita della città. Qui si trova uno dei templi più affascinanti dell’India, il Shree Meenakshi, dedicato al dio Shiva; la costruzione nella forma attuale è dovuta alla dinastia dei Nayaks, originaria del XVI secolo, con le quattro torri perimetrali decorate con migliaia di statue.

 

10°g.  4/1 Madurai – Kanyakumari - Kovalam  

Il rientro a Kovalam, che dista 310 km, richiede 6 o 7 ore. Si transita dalla punta più meridionale dell’India, il capo di Kanyakumari, dove affluiscono in gran numero pellegrini e turisti indiani, che raggiungono in barca l’isoletta di fronte al capo. A Kovalam si torna all’Udaysamudra Beach Resort.

 

11°g.  5/1 Kovalam  

Giornata di relax.

 

12°g.  6/1 Kovalam  

Giornata di relax.

 

13°g.  Lunedì 7 gennaio, volo di rientro  

Partenza da Trivandrum con il volo di rientro.

Chiudi ×