Informazioni utili

Da: domenica 24 marzo 2013A: sabato 6 aprile 2013

NEPAL 2013: Antica saggezza

Il viaggio propone una visione completa dei tesori storici e artistici del Nepal e si sofferma con particolare cura sui siti buddisti, spaziando dalla valle di Katmandu con le tre antiche capitali, i grandi Stupa e gli innumerevoli siti sacri e Gompa, fino a Lumbini dove nacque il Buddha. Ci si immerge nello stupendo contesto naturale nepalese godendo anche del pittoresco mondo rurale dei villaggi himalaiani e si effettua un’esplorazione della giungla di Chitawan eseguita anche a dorso di elefante.

 

Si avrà l’opportunità di incontrare Lama Monlam, una persona preziosa che ha dedicato la sua lunga vita, iniziata a Lhasa, alla ricerca spirituale trascorrendo decine di anni in ritiro e acquisendo una visione profondissima del Dharma.

 

Lama Monlam Pharping
Lama Monlam
Pharping

Programma del viaggio

NB: questo viaggio prevede una visita completa dei siti più interessanti; ma forse ancora più importante è lo spirito con cui si vuole eseguirlo. Sono previste sessioni di meditazione, solitamente al mattino o alla sera, e si avrà l’opportunità di ricevere insegnamenti da Lama Ciampa Monlam. Si avrà anche l’opportunità di visitare la sua residenza e di andare da Katmandu a Lumbini in sua compagnia.

 

1°g. Domenica 24 marzo, partenza in volo per il Nepal  

 

2°g.  25/3 Arrivo a Katmandu  

Accoglienza in aeroporto da parte del corrispondente nepalese di Amitaba e trasferimento all’Hotel Vajra. L’hotel è immerso in un bel giardino a un quarto d’ora di cammino dal centro della città e dallo Stupa di Swayambhu; è costruito nello stile tradizionale newari con decorazioni in legno eseguite dall’artista Utam Raj di Patan e pitture del maestro tamang Bimal Moktan. E’ dotato di piacevoli spazi comuni e di una saletta per le sessioni di meditazione di gruppo. L’Hotel ospita anche la “East-West Library”, una biblioteca di testi religiosi in tibetano e sanscrito, e altri in inglese perlopiù di filosofia, scienze naturali, arte e storia del Nepal e offre diversi servizi inclusi i massaggi ayurvedici. Nel pomeriggio ci si reca a visitare Swayambhu, l’antichissimo stupa che si erge sulla valle, i templi circostanti e le colline adiacenti di Manjushri e Saraswati.

 

3°g.  26/3 Katmandu: Pashupatinath, Bodnath, Kopan  

Si iniziano le visite recandosi a Pashupatinath, un antichissimo santuario indù lungo le rive del fiume Bagmati dedicato a Shiva, luogo di pellegrinaggio dove giungono anche molti pittoreschi Sadhu. L’intera collina è un mondo da scoprire, disseminata di antichi tempietti immersi nel verde; sulla riva del fiume avvengono le cremazioni. Si continua andando allo Stupa di Bodnath, nel cuore del quartiere tibetano, ricco di botteghe, negozi e importanti templi e monasteri. Si visitano quello Nyingma di Sechen, sede della reincarnazione di Dilgo Kyentse Rinpoche, il “monastero bianco” Ka-Nying di tradizione Kagyu e Nyingma fondato da Urgyen Tulku e, tempo permettendo, anche altri. Da Bodnath si prosegue per Kopan, il grande monastero Ghelupa fondato da Lama Yeshe, posto panoramicamente su una collina un poco più a nord.

 

4°g.  27/3 Katmandu: Pharping  

Si dedica la giornata alla visita di Pharping, dove Lama Monlam ha la propria residenza. In questo villaggio posto sui monti a sud di Katmandu si trovano importanti luoghi di pellegrinaggio e grotte di meditazione che la tradizione orale riferisce essere stati luoghi di permanenza di Guru Padmasambhava quando si stava recando in Tibet. Si trovano anche altri importanti siti, tra cui spiccano quelli dedicati a Vajrayogini e Tara; all’intorno sono sorti moltissimi monasteri, principalmente Nyingmapa e Kagyu, tra cui quello di Pema Osel edificato presso la grotta degli Asura (titani) che venne utilizzata da Guru Rimpoce.

 

5°g.  28/3 Katmandu – Baktapur – Changu Narayan – Namoboudha  

Baktapur, il cui nome significa “città dei devoti”, è la meglio preservata tra le tre antiche capitali della valle di Katmandu. Qui è più facile rivivere l’atmosfera che permeava la vita della gente prima del recente avvento della ‘civiltà’ moderna. Oltre al piacere di curiosare, questa città-villaggio offre esempi stupendi di architettura newari, tra cui la Nyatapola Mandir, una pagoda a cinque livelli, e le tre piazze di Durbar, Tumadhi e Dattatraya. Dopo la visita ci raggiunge Changu Narayan, un villaggio tradizionale posto su un’altura che domina la valle dove è ubicato un magnifico santuario dedicato a Vishnu. Da qui si prosegue per Namoboudha, un sito molto panoramico posto a circa 1700 mt da cui si vede il Gauri Shankar, una stupenda montagna sacra del Nepal. E’ un luogo di pellegrinaggio buddista dove attorno all’importante Chorten si trova un piccolo villaggio e, nei pressi, un bel monastero: secondo la leggenda fu qui che l’Illuminato in una precedente incarnazione donò il suo corpo a una tigre affamata. Si alloggia presso il Kanodanda Resort.

 

6°g.  29/3 Namoboudha – Panauti – Patan – Katmandu  

Si lascia Namoboudha per recarsi alla vicina Panauti, una cittadina medioevale; qui nella piazza centrale di Durbar si erge il tempio a pagoda di Indreswor, che risale al XIII secolo, un luogo che è meta di pellegrinaggio per gli induisti. Ci si sposta poi a Patan, che è la più antica delle tre capitali della valle di Katmandu. La piazzetta centrale è un gioiello dell’architettura newari; tra i vari templi della zona circostante i più importanti sono il Tempio d’Oro e il Kumbeshwor. Si torna da qui all’hotel Vajra.

 

7°g.  30/3 Katmandu – Chitawan  

Si lascia la valle di Katmandu diretti a Chitawan, il vasto Parco Nazionale nepalese del Terai, un percorso di circa 140 km. L’itinerario è interessante, si transita da molti villaggi e si segue il grande fiume Trisuli finché sfocia nel Terai; a Chitawan ci si accomoda al Rhino Residency, dove si consuma anche il pranzo. Il Parco copre un’ampia zona di giungla ai piedi della catena himalaiana, un territorio selvaggio e ricco di fauna tra cui il rinoceronte e la tigre. Nel pomeriggio si iniziano le esplorazioni con un primo tour del resort e della zonai.

 

8°g.  31/3 Chitawan  

Le attività iniziano di prima mattina esplorando il fiume in canoa e con un giro nella giungla guidati dai rangers nepalesi; nel pomeriggio si effettua un’escursione nella foresta a dorso di elefante. Si vedono molti animali e spesso si riesce ad individuare il rinoceronte bianco.

 

9°g.  1/4 Chitawan – Lumbini  

La giornata inizia con l’osservazione degli uccelli. Dopo colazione si parte per Lumbini, proseguendo verso ovest lungo le pianure che lambiscono le propaggini himalaiane, un percorso di 192 km che richiede circa 5 ore; si alloggia presso l’hotel New Crystal. Lumbini è il luogo dove, secondo la tradizione, la regina Maya diede alla luce il Buddha; nel 1996 vi è stata rinvenuta una pietra che segna il punto esatto ove avvenne la sua nascita.

 

10°g.  2/4 Lumbini  

La piscina e l’albero posti nel luogo della nascita nel Giardino Sacro sono contornati da un grande parco, un vasto spazio tranquillo circondato da molti monasteri buddisti di tutte le tradizioni, ognuno edificato nel suo stile tipico, molto interessanti da visitare.

 

11°g.  3/4 Lumbini – Katmandu  

La giornata viene in buona parte impegnata dal rientro a Katmandu, che richiede circa 8 ore di guida; giunti in città si alloggia presso l’hotel Vajra. Il resto del tempo è libero.

 

12°g.  4/4 Katmandu: Budanilkantal, Durbar  

Ci si reca a Budhanilkantal per ammirare la statua di Vishnu addormentato sul serpente, adagiata in una vasca d’acqua dove i bramini officiano i loro riti. Dopo la visita ci si reca nel centro storico della città di Katmandu, Durbar Square e dintorni, con i magnifici templi, l’antico palazzo reale, la galleria nazionale d’arte e il grande mercato di Indra Chowk.

 

13°g.  5/4 Katmandu e volo di rientro  

Mattina a disposizione anche per eventuali acquisti; nel pomeriggio ci si reca all’aeroporto per l’imbarco sul volo internazionale. In funzione del volo di rientro utilizzato Amitaba predisporrà gli eventuali servizi aggiuntivi richiesti sia a Katmandu che a Delhi.

 

14°g.     Sabato 6 aprile, arrivo in Italia

 

Bodnath Patan Durbar Swayambunath
Bodnath
Patan Durbar
Swayambunath

Chiudi ×